Videos

Competente, che sa fare squadra, che non urla e usa parole di senso. Ha voglia di impegnarsi per risolvere i problemi del Sud della Lombardia che spesso in questi anni è stata dimenticata su temi come i treni, l'inquinamento, i ponti. Abbiamo bisogno di una Regione migliore. Abbiamo bisogno di Giorgio Gori alla Presidenza di Regione Lombardia! Domenica sulla scheda verde io voto Giorgio Gori!
In occasione della Giornata della Memoria, grazie a Panathlon, Comune, U.S. Cremonese e Rete Scuole Superiori della Provincia di Cremona, un momento bello di riflessione sull'odio di ieri e di oggi allo stadio “Giovanni Zini”, dove nel 2015 abbiamo inaugurato la targa in ricordo del calciatore Vittorio Staccione, che ha giocato nel Torino, nella Cremonese e nella Fiorentina, morto nel campo di concentramento di Gusen-Mauhtausen il 4 marzo 1945.
Auguri per un 2018 di giovani! Essere giovani non è innanzitutto questione di età, ma di testa e di sguardo e di cuore. Ho conosciuto in questi anni tanti giovani diciottenni e tanti che avevano più di 80 anni. Giovane è chi è disposto a cambiare, rimettersi in gioco, aprire la mente, allargare lo sguardo, impegnarsi per migliorare anche modificando le proprie convinzioni, vedere il bene e farlo crescere, entusiasmarsi ancora per un progetto che riguardi tutti e il bene di tutti. Che in questo 2018 possiamo essere tutti più giovani per questa città e per questo paese, senza paura di sperare, senza rassegnarsi alla rassegnazione, con occhi nuovi pieni di futuro e parole che cercano bontà e mitezza e che sono contagiose!
C'è Sona, 23enne armena, che si è sentita "accolta in questa piccola ma bellissima città". C'è Katerina dalla Bielorussa che è stata "affascinata dall'arte di trasformare in capolavoro ogni bottega", Stephanie della Costa d'Avorio, Mighena dell'Albania, Hagher nata in Italia di origini tunisine e Gurminder nato in Italia di origini indiane. Sono alcuni dei ragazzi che, da Cremona e dal mondo, stanno facendo Servizio Volontario Europeo e Servizio Civile in Comune e presso diverse realtà della città. Con loro abbiamo voluto quest'anno fare gli auguri di Buon Natale. Perché dietro ogni lingua c'è una storia, ci sono storie anche di vicinanza tra persone e di comunità. Che questo Natale sia per tutti noi un ritorno a ciò che è essenziale, semplice, piccolo e grande ad un tempo, per cui vale davvero la pena vivere. Per mantenerci saldi e proiettarci nel futuro con concretissima speranza!
© Gianluca Galimberti Sindaco 2019, All rights reserved