Noi, nuovi resistenti, in questo 25 aprile e ogni giorno non ci pieghiamo alla rassegnazione e raccontiamo speranza

Il discorso dal palco del 25 aprile, Festa nazionale della Liberazione. Il 25 aprile è quella signora anziana che ho incontrato qualche mese fa in una casa di cura e mi ha detto: “Oggi serve avere speranza”. “E io ce l’ho”, mi ha detto sorridendo. Anche noi Signora, anche noi: oggi, in questo 25 aprile e ogni giorno, non ci pieghiamo alla rassegnazione e raccontiamo speranza.

Certamente il 25 aprile è un insieme fortissimo di valori. Certamente il 25 aprile rappresenta ideali altissimi a fondamento del nostro Stato, della nostra comunità, della nostra convivenza. Ma non sarebbe nulla, se il 25 aprile non fosse “persone”. Sì, il 25 aprile per essere vero è innanzitutto storie di persone. E poiché il 25 aprile è un motore che genera coraggio di azione, il 25 aprile non è solo storia di persone che allora combatterono per costruire democrazia, per dare libertà, ma è anche e per certi versi soprattutto (perché questo è il frutto del 25 aprile) storia di persone che negli anni dopo ed anche oggi continuano a vivere e a far vivere questa battaglia. Allora oggi vorrei raccontare alcune di queste storie.

Il 25 aprile è la mamma che abbiamo incontrato in una corsia di ospedale: stava accanto alla figlia in terapia intensiva. Il 25 aprile è tutti quelli che stanno accanto, nel silenzio delle nostre case, nelle corsie dei nostri ospedali e nei luoghi di cura delle fragilità.

Il 25 aprile è Omar, bambino africano morto nelle acque di Sicilia. Oh, non vorrei certo che qualcuno dicesse “il solito pietismo”, ma il pietismo è distrutto da lui, dal suo corpo, dalle sue mani e dal suo sangue: Omar è morto nelle acque del canale di Sicilia a pochi mesi dalla nascita. Siamo tutti per la sicurezza e il realismo. Anzi lo siamo solo se capiamo fino in fondo che il 25 aprile è anche Omar e sua madre, che l’ha tenuto stretto in braccio fino a quando ha potuto, perché per lui desiderava un futuro diverso.

Il 25 aprile sono i giovani che abbiamo sentito prima e poi per favore non continuiamo a dire che tutti i giovani oggi non sono più … non sono più cosa? Forse siamo noi adulti innanzitutto a doverci fare qualche domanda. Ma, ragazzi, una domanda anche a voi voglio porla: sapete quale carico di responsabilità consegnano a voi, oggi, le parole che avete detto? Perché le parole di senso cambiano la vita, la modellano se sono vere e, se lo sono, rendono la vita simile ai significati che contengono. Certo, so che lo sapete.

Il 25 aprile è un imprenditore che mi ha raccontato che si impegna fino in fondo perché crede nel suo lavoro e vuole investire e innovare, anche perché ha a cuore le famiglie di quelli che lavorano con lui. Il 25 aprile è tutti quelli che lavorano con intelligenza e slancio innovativo perché hanno a cuore il bene dell’altro e degli altri.

Il 25 aprile è il sindaco che ho conosciuto di un paese qui vicino, che lavora e cura la sua comunità e affronta ogni giorno piccole e grandi sfide, assumendosi rischi. Perché il 25 aprile è la storia di tante persone nelle istituzioni del nostro paese, che ancora oggi danno tutto se stessi perché la comunità stia meglio e sanno assumersi rischi e responsabilità personali.

Il 25 aprile è l’insegnate, il professore e la maestra che sanno che la scuola è luogo essenziale della comunità e per i loro ragazzi danno tutto se stessi. Il 25 aprile è la storia di tutti quelli che credono nell’educazione, perché credono nel futuro.

Il 25 aprile è don Pino Puglisi, Piersanti Matterella, Giovanni Falcone, Paolo Borsellino, il giudice Livatino, Peppino Impastato, Giorgio Ambrosoli … Il 25 aprile è tutti quelli che hanno fatto il loro dovere, semplicemente e grandiosamente il loro dovere fino alla fine, fino al dono della vita. E non vanno lasciati soli, mai, nel ricordo e nell’azione.

Il 25 aprile è quel giovane cremonese, Michele, che l’altro giorno ha moderato una presentazione di un bellissimo libro in palazzo comunale: studia a Parigi e crede nell’Europa unita e forte. Il 25 aprile è chiunque oggi, proprio oggi, ricordando i giorni bui di un’Europa spezzata e lacerata, pensa e lotta perché l’Europa sia il nostro futuro. E non crede in slogan e populismi vari, ma sa che oggi la nuova resistenza è anche contro proposte miopi e stupide e cariche di odio: abbiamo già visto, l’abbiamo già visto, per favore lo sappiamo che odio genera odio e non risolve nulla, paura genera paura e non risolve nulla, anzi portano degrado e tristezza e morte. Dall’anno scorso l’Europa è più debole e molti non hanno più il coraggio di un pensiero alto, molti scherzano con il fuoco suggerendo ritorni al passato. A noi non fa paura andare contro corrente se serve. Anche questo è il 25 aprile: le persone che hanno dato la vita e che ancora oggi si impegnano per un’Europa unita, un’Europa rinnovata, cambiata, rafforzata, un’Europa di anima e visione, dei popoli e di pace e sviluppo: l’Europa è il nostro orizzonte. E dipenderà anche da noi. Ed è per noi e per i nostri figli.

Il 25 aprile è tutte le persone alle quali consegneremo la nostra Costituzione il 2 giugno in cortile Federico II, nuovi cittadini di un paese che ha in quei primi 12 articoli della nostra Carta Costituzionale un fondamento e una guida, un paese di cultura, orgoglioso della sua storia e aperto, innovativo e spiritualmente forte, con una coscienza civile alta. “Non è così”, qualcuno di voi potrebbe dire? Dipende da noi, rispondo, dipende anche e soprattutto da ognuno di noi.

Il 25 aprile è il partigiano Lupo: l’ho incontrato per la prima volta al Col del Lis. E quando ho saputo della sua morte ho ripensato alle sue lacrime di commozione, mentre ricordava i suoi compagni, quelli morti allora e quelli sopravvissuti. Allora mi disse: “Sono rimasto l’ultimo”. Ora anche lui ha raggiunto i suoi compagni. Mi sono chiesto se mi sia chiaro fino in fondo che cosa voglia dire essere disponibile a dare la vita per la comunità in un periodo come quello, dare la vita perché le cose siano più giuste, perché ci sia democrazia. Forse non lo capisco fino in fondo e quelle lacrime di Lupo devono aiutarmi e io devo ricordarmele sempre, per incidere nella mia coscienza che celebrare il 25 aprile è cosa seria e anche dura e ci sbatte in faccia, oggi, le nostre responsabilità nei confronti degli altri e della comunità. E allora oggi dico a Lupo e ai suoi compagni: noi ci impegniamo, perché noi ora possiamo continuare una storia di liberazione e coraggio. Fino in fondo.

Il 25 aprile è quella signora anziana che ho incontrato qualche mese fa in una casa di cura e mi ha detto: “Oggi serve avere speranza”. “E io ce l’ho”, mi ha detto sorridendo. Anche noi Signora, anche noi: oggi, in questo 25 aprile, anche noi signora abbiamo speranza. Anzi questo 25 aprile possiamo essere noi, la nostra speranza, il nostro coraggio, le nostre storie. Gridiamolo e raccontiamolo ogni giorno a casa, al lavoro, con gli amici, a scuola, in politica. Non stanchiamoci mai, non pieghiamoci alla rassegnazione del ‘è tutto uguale’ o ‘non cambia niente’. I resistenti di allora ce lo hanno insegnato, cambiando la storia con la propria vita. Siamo, insieme, i nuovi resistenti. E per questo diamo tutto noi stessi.

Buon 25 aprile a tutti. Viva l’Italia e viva l’Europa.

© Gianluca Galimberti Sindaco 2019, All rights reserved