‘Urban_Wins’, parte da Cremona la sfida per individuare nuove strategie per la gestione dei rifiuti

A Cremona il kick off meeting del progetto ‘Urban_Wins' che mira ad individuare nuove strategie per la gestione dei rifiuti. La nostra città capofila di un progetto che coinvolge sei Paesi europei.

Un progetto importante che ci rende orgogliosi. Sono almeno sette le idee contenute in questa proposta:

1. La città può essere paragonata al corpo umano, le cui parti sono fortemente interconnesse tra di loro. Questa idea deve essere la base di tutte le scelte politiche.

2. Per affrontare le importanti sfide che ci attendono è importante mantenere un approccio multidisciplinare in grado di collegare le diverse questioni e produrre una soluzione coerente e globale.

3. Le sfide ambientali non sono solo sfide di natura ecologica ma anche di stampo culturale, sociale ed economico. Esse stesse possono rappresentare opportunità culturali, sociali ed economiche.

4. L’ambiente è un tema comunitario ed allo stesso tempo sociale. Esso richiede un cambiamento personale e comunitario di mentalità e stile di vita.

5. L’unico modo possibile per prendere decisioni è studiare, analizzare i dati.

6. Il futuro dipende dalle scelte che facciamo adesso. Abbiamo una enorme responsabilità verso il domani.

7. L’Europa deve essere rifondata ancora e in questo momento ancora di più. La nostra città, anche con questo progetto, vuole dare il suo contributo alla costruzione dell’Europa, una Europa di pace e sviluppo.

In solo un anno a Cremona la raccolta differenziata è passata dal 53% al 72%; un nuovo bilancio ambientale è in fase di analisi e di approvazione da parte del Consiglio Comunale. Siamo una città di fiume e terra e l’ambiente è parte del nostro passato e del nostro futuro. Questo è il motivo per cui i temi ambientali ci sono particolarmente cari e questa è anche la ragione per cui questa giornata di lancio è tanto importante. Assicuriamo il nostro impegno per il successo dei nostri territori.

COS’E’ IL PROGETTO ‘URBAN WINS’

Come Comune di Cremona, insieme ad altri 27 soggetti di sei paesi europei (Italia, Spagna, Portogallo, Romania, Svezia e Austria) e all’organizzazione internazionale ICLEI, abbiamo ottenuto il finanziamento della Commissione Europea per la realizzazione del progetto denominato ‘Urban_Wins’ nell’ambito del Programma europeo Horizon 2020. Un risultato davvero importante per la città, per l’Italia e per l’Europa. Con questo progetto saranno sviluppati e testati, a partire da Cremona, metodi per la ricerca e la sperimentazione di piani strategici innovativi e sostenibili per la riduzione e la gestione dei rifiuti in vari contesti urbani sulla base di approcci innovativi, interdisciplinari e partecipativi verso un miglioramento della resilienza ambientale urbana e verso una produzione e schemi di consumo più sostenibili.

Il progetto ha preso il via oggi con la prima riunione, a Cremona, dei partner europei dell’iniziativa. Seguiranno, nei prossimi mesi, altri momenti per la presentazione del progetto a livello nazionale.

Urban_Wins (per esteso Urban metabolism accounts for building Waste management Innovative Networks and Strategies, ovvero I conti del metabolismo urbano per la costruzione di reti e strategie innovative per la gestione dei rifiuti) mira a sviluppare e testare metodi per la ricerca e la sperimentazione di Piani Strategici innovativi e sostenibili per la riduzione e la gestione dei rifiuti in vari contesti urbani  a partire dall’approccio del  “metabolismo urbano integrato”, quindi dalla conoscenza dei dati ambientali e dei flussi di materia e di energia che sostengono le attività sociali ed economiche della città. L’idea di fondo è capire come i modelli urbani comprensivi di quelli edilizi, infrastrutturali e degli spazi verdi, dei comportamenti dei cittadini, dell’azione organizzata degli stakeholders e degli interventi pubblici di prevenzione e gestione dei rifiuti possono essere ripensati e trasformati attraverso politiche innovative capaci di agire sulle determinanti del consumo e della produzione dei beni e dei servizi e quindi sulla riduzione degli impatti ambientali alla fonte.

Gli obiettivi specifici del progetto sono: approfondire la comprensione dello stato dell’arte delle strategie di gestione dei rifiuti urbani in 24 città di 6 Paesi europei (Italia, Romania, Svezia, Spagna, Portogallo e Austria); definire strumenti informativi e partecipativi per il coinvolgimento degli stakeholder urbani; sviluppare, testare, formalizzare e disseminare una serie di strategie di prevenzione innovative oltre a raccomandazioni e strumenti strategici.

Il Comune di Cremona, capofila e responsabile del coordinamento e della gestione del progetto, per garantire la qualità dell’iniziativa e riuscire ad ottenere il finanziamento della Commissione europea, ha messo insieme un consorzio di 27 soggetti provenienti da 6 paesi europei (Italia, Spagna, Portogallo, Romania, Svezia, Austria) e un’organizzazione internazionale, ICLEI, (International Council for Local Environmental Initiatives, associazione internazionale costituita da amministrazioni locali e finalizzata alla prevenzione e risoluzione di problemi ambientali locali, nazionali e globali attraverso la realizzazione di azioni a livello locale) che includono: università ed enti di ricerca, amministrazioni pubbliche, centri tecnologici, associazioni professionali e commerciali, imprese del settore, società esperte di partecipazione e comunicazione. Le attività si svilupperanno nell’arco di tre anni. Il finanziamento ottenuto ammonta a quasi 5 milioni di euro (€ 4.966.516) di cui una quota parte consistente, il 36%, è a copertura dei costi per le attività svolte dai 9 partner di progetto italiani (oltre il Comune di Cremona partecipano il Comune di Torino, la Città Metropolitana di Roma Capitale, ISTAT, Università IUAV di Venezia, Fondazione Ecosistemi, Camera di Commercio di Cremona, Linea Gestioni srl, Marraiafura Comunicazione srls). La quota del Comune di Cremona è pari a € 424.525,00.

Una sfida davvero importante per le dimensioni di una città come Cremona, ma, come è stato sottolineato durante la presentazione, il nostro Comune ha inteso intraprenderla in quanto è molto interessato a definire e testare una strategia che permetta di raggiungere gli obiettivi di prevenzione dei rifiuti e miglioramento gestionale degli stessi, creando una forte interazione tra le diverse politiche e strumenti.

Urban_Wins è costruito su tre idee di base. Le città hanno ancora bisogno di essere sostenute nello sviluppo di basi di dati ed indicatori che riflettano chiaramente i flussi materiali identificando le forze che guidano l’uso delle risorse e la quantità di risorse disponibili per il riuso ed il riciclo: una forte cooperazione con il mondo accademico per migliorare i metodi per l’identificazione e la raccolta dei dati è necessaria; rinforzare e disseminare l’idea che il welfare urbano e la smartness delle città va oltre il miglioramento degli indicatori economici; benefici potenziali, obiettivi specifici di gestione dei rifiuti e strategie di prevenzione  devono essere completamente comprese e condivise dai decisori politici e dagli altri soggetti interessati.

Ad una fase di analisi approfondita che riguarderà 24 città di 6 Paesi europei, e che verrà realizzata applicando strumenti e tecniche innovativi quali l’analisi dei flussi di materia e l’analisi del ciclo di vita, seguiranno le fasi di sviluppo e sperimentazione dei  Piani Strategici innovativi e sostenibili per la Riduzione e la Gestione dei Rifiuti in 8 città: Cremona, Torino e due città dell’Area metropolitana di Roma per l’Italia, Manresa e Sabadell per la Spagna, Leiria per il Portogallo, Bucarest per la Romania. L’approccio tecnico di Urban_Wins è organizzato attorno a tre gruppi di lavoro che hanno ruoli complementari nella prevenzione e nelle politiche di gestione e che contribuiranno attivamente a tutte le attività pilota e di ricerca della proposta.

© Gianluca Galimberti Sindaco 2019, All rights reserved