Il Parco del Po e del Morbasco si amplia: insieme per valorizzare il nostro territorio e il nostro Grande Fiume

Abbiamo sancito ufficialmente l'ampliamento del PLIS del Po e del Morbasco: passo importante per la tutela e la valorizzazione di un patrimonio di particolare interesse naturalistico.

Insieme si fanno cose belle a partire ognuno dalle proprie diversità. Noi siamo città di terra e di fiume e continuiamo a lavorare insieme ai comuni vicini per la valorizzazione del Po: il Plis (Parco Locale di Interesse Sovracomunale) del Po e del Morbasco, la navigazione fluviale turistica che è ripartita, il rapporto con l’altra sponda piacentina, verso la firma del contratto di fiume.

Alla Corte Bugatti, storica cascina di proprietà del Comune di Gerre de’ Caprioli, abbiamo sancito in forma ufficiale l’ampliamento della gestione associata del Plis del Po e del Morbasco ai Comuni di Castelverde, Sesto ed Uniti, Spinadesco e Stagno Lombardo.

Ho sottoscritto l’atto insieme ai sindaci di Bonemerse (Oreste Bini) e Gerre de’ Caprioli (Michel Marchi), già coinvolti, e ai nuovi entrati di Castelverde (Graziella Locci),  Sesto Uniti (Carlo Angelo Vezzini), Spinadesco (Roberto Lazzari) e Stagno Lombardo (Roberto Mariani). Grazie a questo atto richiederemo l’allargamento dei confini dell’attuale parco sovracomunale per raggiungere una superficie complessiva di 6745,60 ettari. Sarà così garantita così la continuità lungo il fiume Po con il SIC/ZPS (Sito di Importanza Comunitaria e Zona di Protezione Speciale) Spiaggioni di Spinadesco e con il SIC/ZPS Bosco Ronchetti, aumentando così l’area protetta lungo il Morbasco (attualmente la superficie complessiva del Parco è di 2369,33 ettari).

La sede di rappresentanza del Parco è proprio Corte Bugatti, nel comune di Gerre de’ Caprioli, con l’obiettivo di incrementare la fruizione pubblica del contesto architettonico ed ambientale ampliando le occasioni di intrattenimento per turisti e visitatori. La cascina, di antica costruzione, si trova a sud- est di Cremona, a circa 4 km dalla città. Il fiume Po dista solo 600 metri. La separano dal fiume il cavo Morta, con il suo argine, l’argine maestro ed una breve area golenale. Nelle immediate vicinanze si trova la foce del cavo Morbasco con l’impianto di sollevamento dell’acqua, per l’irrigazione, del Consorzio di Bonifica Dugali.

La Convenzione ha come scopo l’organizzazione della gestione amministrativa, tecnica e di vigilanza del PLIS del Po e del Morbasco, la sua valorizzazione ai fini ambientali, sociali e turistici, tramite l’apporto diretto del Comune capofila (Cremona), e la collaborazione dei comuni associati in una logica di gestione associata e paritetica del PLIS. Il Comune capofila svolgerà le funzioni tecniche – amministrative anche con la collaborazione dei tecnici dei comuni aderenti alla convenzione. E’ prevista la costituzione di una Commissione di gestione che, tra l’altro, eserciterà attività di indirizzo, controllo e verifica, definizione dei programmi da attuare. Altri Comuni che condividono l’istituzione del PLIS, nel rispetto della continuità territoriale, e previo assenso di tutti i Comuni firmatari della presente, possono aderire con formale delibera.

L’ampliamento del Parco del Po e del Morbasco si inserisce in un lavoro ad ampio raggio coordinato dall’assessore al Territorio e all’Area Vasta del Comune di Cremona Andrea Virgilio. Un percorso che comprende il progetto della Fondazione Cariplo “Connettiamo il futuro” (che vede come partner i Comuni di Motta Baluffi, Sesto ed Uniti, Spinadesco, Castelverde, Gerre de’ Caprioli, Provincia di Cremona, Consorzio di Bonifica Dugali Naviglio Adda Serio, e PLIS del Po e del Morbasco) e naturalmente il Protocollo d’intesa per la valorizzazione strategica dei territori dell’Asta fluviale del Po che, oltre ai Comuni di Cremona e Piacenza e alla Provincia di Lodi, vede coinvolto anche il Comune di Casalmaggiore.

Po, anche Casalmaggiore ha aderito al protocollo
Fiume Po protagonista: anche nel 2016 itinerari per acqua e per terra
Firmato il protocollo con Piacenza e Provincia di Lodi
© Gianluca Galimberti Sindaco 2019, All rights reserved