Giro in carrozzina con Agropolis: nel 2016 venti interventi di abbattimento delle barriere architettoniche

Per l'anno in corso sono in programma 20 interventi di abbattimento delle barriere architettoniche per un investimento complessivo di circa 60mila euro.

Anche quest’anno con la Cooperativa Sociale Agropolis, dentro la settimana di Diversamente Uguali, abbiamo fatto il giro in carrozzina. Per continuare ad abbattere le barriere, anche culturali. Questa giornata ci dice che tutti siamo diversamente abili perché tutti abbiamo bisogno degli altri. Che dobbiamo guardare la città a partire dai più piccoli e dai più fragili. Loro ci insegnano uno sguardo nuovo e una fiducia negli altri che occorre recuperare.

Quest’anno siamo partiti con bambini, ragazzi, adulti e rappresentanti dell’associazionismo e del volontariato da piazza S. Michele. Abbiamo percorso via Gerolamo da Cremona, via S. Lorenzo, via XX Settembre, via Platina, via Beltrami, con tappa finale in piazza Marconi per verificare reali disagi che limitano la mobilità delle persone disabili in modo da lavorare ad alcune soluzioni e per sensibilizzare i cittadini sul tema della disabilità.

Come Amministrazione, abbiamo sempre manifestato la massima attenzione al tema dell’eliminazione delle barriere architettoniche, lavorando in questa direzione. Nel 2015 i lavori hanno interessato i marciapiedi di via Cadore, via Belvedere, via Genala 24, via Oglio angolo via Ticino e via Boschetto. Per l’anno in corso sono in programma 20 interventi di abbattimento delle barriere architettoniche per un investimento complessivo di circa 60mila euro. Gli interventi riguardano in particolare: via Genala, via Tonani, via Cavo Caperto, via Fontana 11, via Ottolini, via Ippocastani, via Novati angolo via Seleroni, via Novati 24, via Giuseppina, via Postumia, va Mantova, via Pippia, piazza Castello, via Massarotti, via Giordano 73, via Milano 19 a Cavatigozzi, via Manzoni, via Pecorari, via Boschetto, via Castellone e via San Bernardo.

I lavori programmati consistono nella eliminazione delle barriera architettoniche, rappresentate spesso dal dislivello tra la quota del marciapiede e la quota della strada, nonché la rettifica della pendenza trasversale del piano di calpestio del marciapiede. L’individuazione delle aree oggetto di interventi viene effettuata in base a tre criteri: completamento di opere iniziate l’anno precedente, la volontà di interessare diverse zone della città e per soddisfare specifiche richieste pervenute ai competenti uffici comunali.

Grazie a Gianluigi Romanini, presidente di Agropolis, e a tutta la Cooperativa per questa bella iniziativa e per tutta la loro quotidiana attività. Un sincero ringraziamento anche all’Associazione Donatori del Tempo Libero che ha messo a disposizione le carrozzine.

Diversamente uguali: la fragilità è una forza
© Gianluca Galimberti Sindaco 2019, All rights reserved