Chi è il giocatore d’azzardo cremonese? Ricerca per altre azioni di prevenzione e intervento contro la ludopatia

Chi è il giocatore d’azzardo cremonese? Per slot machines e VLT - Video Lottery Terminal, è solitamente uomo, cliente abituale, tra i 35 e i 55 anni, e gioca la sera, da solo. Per Lotto, Gratta e Vinci, Milionario, 10 e Lotto, è solitamente donna, cliente abituale, dai 56 ai 70 anni, e gioca sola, con i propri numeri. Sono i dati della ricerca realizzata sul gioco d’azzardo, utili ora per costruire azioni di prevenzione, avvicinamento e presa in carico dei giocatori patologici e delle loro famiglie. Continuiamo a lavorare come sistema su questo importante tema, anche attraverso l’applicazione da parte della Polizia Locale del Regolamento che fissa orari e distanze da luoghi sensibili! #cremona

Si è tenuto a SpazioComune l’incontro Ho un problema? No! Mi piace giocare. Il problema è solamente che perdo, dedicato ad un approfondimento sul tema del gioco d’azzardo patologico. Sono intervenuti l’Assessore alla Trasparenza e alla Vivibilità Sociale Rosita Viola, il Direttore U.O.C. Raccordo con il sistema sociale dell’ATS Val Padana (sede di Cremona) Giovanni Maria Gillini, il Responsabile del Servizio Dipendenza Ser.D dell’ASST (Azienda Socio Sanitaria Territoriale) di Cremona Roberto Poli, e i rappresentanti dei partner della rete territoriale che da alcuni anni promuove azioni di prevenzione e presa in carico.

Nell’incontro è stata presentata la ricerca, realizzata nel 2018 grazie al progetto denominato “Gioco Sapiens”, finanziato da Regione Lombardia, per studiare direttamente il fenomeno del gioco d’azzardo attraverso la conoscenza delle abitudini dei residenti in città e nel distretto. In particolare lo scopo della ricerca era capire se esiste una percentuale di giocatori che sta assumendo comportamenti di gioco problematici.

Gli obiettivi della ricerca erano valutare l’impatto e la portata del gioco d’azzardo legalizzato nel territorio, osservandone direttamente le modalità. I luoghi in cui effettuare l’osservazione sono stati scelti in base a questi parametri: locali il più possibile distribuiti sul territorio per avere una panoramica allargata del fenomeno; locali in cui era più facile osservare i giocatori senza attirare l’attenzione.

Gli operatori dei partner a cui è stata affidata la ricerca si sono mescolati con gli avventori dei locali prescelti per osservare dal vivo l’afflusso di giocatori e le modalità di gioco. Per non alterare il naturale comportamento delle persone gli operatori si sono comportati come semplici avventori (metodologia dell’Osservazione non partecipata) occupandosi di due tipologie di gioco: fun games (slot machines e VLT – Video Lottery Terminal) e altri più “tradizionali” quali Lotto, Gratta e Vinci, Milionario, 10 e Lotto.

Sono 159 le persone osservate e l’identikit del giocatore cremonese che ne è emersa e questa: per i fun games, uomo di età compresa tra i 35 e i 55 anni, prevalentemente cliente abituale, gioca la sera, da solo, assorto, scambio solo qualche parola con l’esercente, rimane tra i 15 e i 60 minuti; per gli altri giochi, donna con età che va dai 56 ai 70 anni, cliente abituale, gioca da sola, prevalentemente con i propri numeri, e si sofferma nel locale giusto il tempo della giocata.

I risultati della ricerca saranno utili per la progettazione e lo sviluppo della azioni tenuto conto del “Programma di attività per contrasto al gioco d’azzardo patologico” di Regione Lombardia, approvato a fine 2018 e presentato da Giovanni Maria Gillini.

Come ha detto l’assessore Rosita Viola, Il Comune di Cremona continuerà l’impegno sul tema della dipendenza da gioco, dell’azione di vigilanza e controllo attraverso l’applicazione, da parte della Polizia Locale, delle norme contenute nel Regolamento comunale e previste dalla normativa regionale, ma soprattutto sul fronte dell’azione sociale e culturale così da accrescere la consapevolezza dei danni causati da questa dipendenza. In sinergia con ASST Cremona e con tutti i soggetti del privato sociale attivi quotidianamente nel territorio si cercherà di potenziare la capacità di aggancio e presa in carico delle persone affette da ludopatia e dei loro familiari.

© Gianluca Galimberti Sindaco 2019, All rights reserved