Avviato il procedimento per la variante al Pgt: sviluppo territoriale e urbano sostenibile

Lo abbiamo deciso in Giunta, su proposta dell'assessore all'Area Vasta e alla Casa Andrea Virgilio, contemporaneamente approvato le Linee di indirizzo che contengono gli obiettivi puntuali della variante parziale al PGT attuale.

Abbiamo avviato il procedimento di variante parziale al vigente Piano di Governo del Territorio che comporterà la modifica del Documento di Piano, del Piano dei Servizi e del Piano delle Regole attualmente vigenti. Lo abbiamo deciso in Giunta, su proposta dell’assessore all’Area Vasta e alla Casa Andrea Virgilio, contemporaneamente approvando le Linee di indirizzo che contengono gli obiettivi puntuali della variante parziale al PGT attuale. E’ stato inoltre deciso l’avvio del procedimento di Valutazione Ambientale (VAS) del Documento di piano e di verifica dell’assoggettabilità alla VAS del Piano dei servizi e del Piano delle regole così come previsto dalla normativa regionale.

Abbiamo di conseguenza disposto l’avvio della fase partecipativa attraverso la pubblicazione all’Albo Pretorio e sul sito del Comune dell’avviso dell’avvio del procedimento. Sarà compito degli uffici dell’Unità di staff Urbanistica procedere alla stesura della variante parziale al Piano di Governo del Territorio vigente e spetterà al dirigente dell’Unità di staff Urbanistica  conferire gli incarichi professionali di elevata specializzazione eventualmente necessari.

Le Linee programmatiche di mandato 2014-2019 dell’Amministrazione introducono indirizzi ed obiettivi in tema di trasformazione territoriale e consumo di suolo, commercio e attività produttive, politiche abitative, Edilizia Residenziale Pubblica e servizi, politiche ambientali, interrelazioni d’Area vasta. Da qui la volontà di procedere ad una variante del Piano di Governo del Territorio (PGT) vigente. Ma la necessità di una revisione del PGT  è determinata anche dalle politiche dell’Unione europea Europa2020, dai corrispondenti indirizzi strategici di Regione Lombardia inerenti lo sviluppo territoriale ed urbano sostenibile ed integrato, dalla Legge regionale 31/2014 per contenere il consumo di suolo e promuovere la rigenerazione urbana, dalla visione allargata sull’Area vasta considerata la valenza della città quale polo urbano di rango elevato.

Un ultimo aspetto riguarda l’applicazione in ambito locale di strategie attinenti al concetto di città intelligente (smart city) in grado di affrontare i cambiamenti che abbiano rilevanza e ricadute nell’ambito del PGT. Sono state così redatte, attraverso un lavoro di staff di tutti i vari settori e servizi, specifiche Linee di indirizzo, condivise in sede di Giunta, che, partendo da una puntuale analisi delle strategie delle politiche comunitarie e regionali, individuano indirizzi e azioni che stanno alla base della “costruzione” della variante.

Le Linee di indirizzo così definite sono state dapprima illustrate nel dettaglio nella Commissione consiliare Territorio e Riqualificazione urbana il 5 febbraio scorso. In una successiva seduta, tenutasi il 5 marzo, così da permettere ai componenti un adeguato lasso di tempo per il necessario approfondimento, si è entrati nel merito dei contenuti ed i consiglieri hanno espresso il proprio parere. Dopo questi passaggi, le Linee di indirizzo sono state approvate oggi in via definitiva in Giunta, sancendo così l’avvio vero e proprio del procedimento di variante. Le Linee di indirizzo contenute nella delibera sono il riferimento per i cittadini, singoli o associati, per i diversi soggetti pubblici o privati, rappresentanti di associazioni di categoria economiche o sociali, che intendono partecipare alla costruzione della variante al P.G.T. Vigente.

© Gianluca Galimberti Sindaco 2019, All rights reserved