Referendum, basta un sì per dire che questo paese vuole e può cambiare




Referendum: anche a Cremona è partito il Comitato Basta un sì. Lo abbiamo presentato insieme a Rodolfo Bona, Caterina Ruggeri, Ada Ficarelli del Pd, Paolo Carletti del Psi e Gilberto Girardi, vicepresidente di Fare nuova la città.

Parliamo di contenuti. C’è un valore intrinseco nel cambiamento stesso. Questo paese ha bisogno di una ventata di novità. Il sì al referendum ha anche questo significato. Non ridiciamo per l’ennesima volta a questo paese: non cambia nulla e ricominciamo da capo. Vuol dire tornare indietro e dire che non siamo capaci ancora una volta di fare un passo avanti, un passo non definitivo e sicuramente migliorabile, ma necessario. Facciamolo!

Nel merito, dentro questa riforma vedo alcuni contenuti importanti:

I tempi sono efficienza. Quanto serve per approvare una legge? Abbiamo una società intera fatta di associazioni, imprese, cultura, amministrazioni pubbliche che hanno bisogno di risposte chiare e in tempi rapidi. Questo è risparmio!

– La risoluzione della questione del conflitto Stato/Regioni è fondamentale: evita il dispendio di risorse legato alla conflittualità e fa in modo che alcuni temi abbiano uno sguardo unitario di insieme. E’ il caso delle università e e della ricerca o della promozione commerciale. Anche questo è efficienza e risparmio!

– Importanti i contenuti del Senato. Nel Senato entrano i territori ed è importante che ci sia un luogo di elaborazione di politiche territoriali ed entra l’Europa: abbiamo fame e sete di politiche europee per esempio sul tema del Po su cui stiamo lavorando e che deve avere visione di insieme.

– C’è un miglioramento degli istituti di partecipazione diretta con le leggi di iniziativa popolare.

Scindendo la riforma dalla legge elettorale e stando nel merito, chiediamoci: vogliamo che questo paese faccia passi avanti si o no? Se non lo vogliamo diciamo che l’Italia è incapace di cambiamento oggi e nei prossimi anni, generando anche una stagione di incertezza e instabilità politica grave che inserita nel contesto europeo e mondiale acquista una gravità ulteriore. Diversamente, per rafforzare il processo di cambiamento del paese basta un si!

IL SITO BASTA UN Sì

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Share on Tumblr0Email this to someone