Via anche al 43esimo Congresso Internazionale della Viola: il mondo a Cremona e Cremona nel mondo

Nel Congresso internazionale della Viola si afferma ancora una volta l’importanza del Sistema Cremona nel panorama internazionale. Cremona si racconta sempre di più nel mondo come la capitale del trinomio musica, suono, violini e strumenti ad arco, città del saper fare liutario patrimonio immateriale dell’Umanità; Cremona apre le porte al mondo, offrendo le proprie eccellenze culturali, formative, turistiche dentro un vero e proprio sistema. Così, è il Sistema Cremona che sostiene anche questo importante Congresso internazionale della Viola.

E’ un Sistema che si sta consolidando e che sta portando frutti importanti e finanziamenti importanti: l’artigianato artistico, le fiere e i concorsi internazionali, i laboratori di ricerca, i centri di sapere e formazione musicale, eventi, festival, masterclass, luoghi bellissimi, istituzioni culturali e un sistema museale che ha la sua punta di diamante nel Museo del Violino. Con novità importanti: la partenza della prima Laurea in Italia in Restauro di strumenti musicali e scientifici al Dipartimento cremonese di Musicologia dell’Università di Pavia dentro al Distretto Culturale finanziato da Fondazione Cariplo e il Master in ingegneria acustica alla sede locale del Politecnico, grazie anche al contributo della Fondazione Arvedi Buschini; e ancora grandi eventi internazionali con la mostra innovativa e tecnologica Janello Torriani – Genio del Rinascimento, il capolavoro Messia di Antonio Stradivari al Museo del Violino e proprio il Congresso della Viola, appuntamenti di qualità all’interno di un programma culturale ricchissimo.

Il Congresso, in particolare, si inserisce nell’ambito dell’offerta di Cremona come città di formazione musicale per persone che arrivano da tutto il mondo. Come altre esperienze, il congresso della Viola porta in città presenze qualificate e professionisti internazionali. Non è solo il mondo che arriva a Cremona, ma Cremona che viene portata nel mondo anche dai musicisti e dagli artisti che la frequentano. Ringraziamo quindi gli organizzatori, in particolare, la dottoressa Dorotea Vismara e tutti coloro che hanno sostenuto e lavorato per questo evento che è una grande ed importante opportunità alla quale il Sistema Cremona ha saputo rispondere secondo un progetto ben preciso di sviluppo culturale, sempre per il bene della nostra Cremona.

IL SITO DEL CONGRESSO

Un altro evento internazionale: dal 4 all’8 ottobre 400 violisti da tutto il mondo al Congresso della Viola

Nel Congresso internazionale della Viola si afferma ancora una volta l’importanza del Sistema Cremona nel panorama internazionale. Sostengono questo importante evento più istituzioni insieme: costruire il Sistema Cremona unendo le sue istituzioni in progetti innovativi e internazionali è uno degli obiettivi principali di questa amministrazione. E’ un Sistema che si sta consolidando e che sta portando frutti importanti e finanziamenti importanti: il Distretto Culturale finanziato da Fondazione Cariplo con la partenza della prima Laurea in Italia in Restauro di strumenti musicali e scientifici e il complessivo sostegno a quel trinomio liuteria, musica e studio del suono rispetto al quale Cremona non ha eguali nel mondo. Il Congresso della Viola è uno degli eventi all’interno di un programma culturale ricchissimo che sta promuovendo la città e la sta arricchendo di presenze numerose e distribuite durante tutto l’anno. Il Congresso si inserisce in particolare nell’ambito dell’offerta di Cremona come città di formazione musicale per persone che arrivano da tutto il mondo. Come altre esperienze, in particolare il congresso della Viola porta in città presenze qualificate e professionisti internazionali. Non è quindi solo il mondo che arriva a Cremona, Cremona che viene portata nel mondo dai musicisti e dagli artisti che la frequentano. Ringraziamo quindi gli organizzatori, in particolare, la dottoressa Dorotea Vismara e tutti coloro che hanno sostenuto e lavorato per questo evento che è una grande ed importante opportunità alla quale il Sistema Cremona ha saputo rispondere secondo un progetto ben preciso di sviluppo culturale, sempre per il bene della città.

IL CONGRESSO A CREMONA – La 43esima edizione del Congresso Internazionale della Viola dal titolo ‘Connecting Cultures and Generations’, si terrà a Cremona dal 4 all’8 ottobre 2016 con il patrocinio del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, della Regione Lombardia, del Comune di Cremona e della Camera di Commercio di Cremona.

I PARTNER – Il Congresso è organizzato anche grazie ad una importante rete di collaborazioni che include la Fondazione Stauffer, il Museo del Violino, l’Istituto Superiore di Studi Musicali ‘Claudio Monteverdi’, la Scuola Internazionale di Liuteria, il Consorzio Liutai ‘Antonio Stradivari’ di Cremona, il Dipartimento di Musicologia e Beni Culturali dell’Università di Pavia e il Liceo Artistico Statale di Porta Romana di Firenze.

L’ASSESSORE CAPPELLINI – Così l’assessore alle Culture, Identità e Autonomie della Regione Lombardia Cristina Cappellini: “Un evento di portata internazionale che per la prima volta dopo 42 edizioni si svolge in Italia, a Cremona. Ecco perché per illustrarne contenuti e programma del Congresso mondiale della Villa abbiamo deciso di ospitare la prima conferenza stampa in Regione Lombardia. Questa è la dimostrazione che quando si sostengono iniziative di qualità che valorizzano le sue specificità e concorrono a farla conoscere nel mondo, la Regione c’è. In questo caso oltre agli organizzatori, ringrazio il sindaco di Cremona per la straordinaria collaborazione su questo evento e sui progetti che ci vedono impegnati sul territorio cremonese”.

GRANDE MUSICA – Il Congresso internazionale della Viola sarà allo stesso tempo un luogo di ricerca attraverso conferenze, masterclass, lezioni-concerto tenute da musicisti e musicologi di grande rilievo in arrivo da tutto il mondo, ed uno splendido festival con concerti d’eccellenza, esecuzioni solistiche e di musica da camera per e con la viola proposte da artisti di fama internazionale fra cui Ettore Causa, Alfonso Ghedin, Bruno Giuranna, Michael Kugel, Dana Zemtsov, Tabea Zimmermann.

OLTRE 400 VIOLISTI – Saranno presenti più di 400 violisti in rappresentanza di 18 paesi: Brasile, Canada, Cina, Finlandia, Francia, Germania, Giappone, Gran Bretagna, Iran, Irlanda, Italia, Messico, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Svizzera, Tailandia, Stati Uniti d’America. Numerosissimi e di alto profilo gli altri eventi in programma, che avranno luogo ogni giorno dalle 9 del mattino fino a tarda notte, prevalentemente presso l’Auditorium e la Sala Maffei della Camera di Commercio, il Museo del Violino, il Teatro Filodrammatici.

CONCERTI ANCHE ALL’APERTO – La città di Cremona verrà coinvolta anche con concerti all’aperto diffusi nel territorio cittadino. Nella sala dell’esposizione presso la Camera di Commercio di Cremona saranno esibiti viole, archi, custodie, corde, musica stampata, riviste musicali ed altri materiali d’interesse violistico.

IL SITO

Abbiamo approvato il piano delle azioni positive: superare le disparità di genere

Piano triennale delle azioni positive 2015-2017. Lo abbiamo approvato, su proposta dell’assessore Rosita Viola. E’ lo strumento, che si pone da un lato, come adempimento ad un obbligo di legge e dall’altro come strumento operativo per promuovere interventi tesi non solo al superamento delle disparità di genere tra i lavoratori e le lavoratrici dell’Amministrazione Comunale, ma anche volti a sviluppare la cultura di genere e di sostegno alle pari opportunità all’interno dell’Ente e nella comunità.

Come dichiara l’Assessore Viola, le pari opportunità sono un principio giuridico, ovvero l’assenza di ostacoli alla partecipazione economica, politica e sociale di un qualsiasi individuo per ragioni connesse alla nazionalità, genere, religione e convinzioni personali, disabilità, età, orientamento sessuale. Le azioni positive sono misure temporanee speciali che, in deroga al principio di uguaglianza formale, sono mirate a rimuovere gli ostacoli alla piena ed effettiva parità di opportunità tra uomini e donne. Sono misure “speciali” – non generali ma specifiche e definite – che intervengono in un determinato contesto per eliminare ogni forma di discriminazione, sia diretta sia indiretta e “temporanee” – in quanto necessarie fintanto che si rileva una disparità di trattamento tra uomini e donne.” L’obiettivo è assicurare che le politiche e gli interventi tengano conto delle questioni legate al genere, proponendo la tematica delle pari opportunità come chiave di lettura, e di azione, nelle politiche dell’occupazione, della famiglia, sociali, economiche, ambientali, urbanistiche.

Il Comune di Cremona sviluppa politiche di Pari opportunità dal 1999, anno in cui è stata istituita la delega assessorile in materia, tramite azioni che riguardano la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro, la flessibilità nel mondo del lavoro, la promozione dell’occupazione per le donne, incentivazione dell’imprenditoria femminile, l’attuazione d di direttive europee e nazionali in tema pari opportunità, ma anche una intensa attività per contrastare la violenza contro le donne.

Recentemente è stato inaugurato il Centro Locale di Parità del Comune di Cremona che in via sperimentale per l’anno 2015 organizzerà un’attività di sportello informativo presso SpazioComune con l’impiego di personale dipendente, già in carico all’Ente, formato e qualificato. L’attività del Centro Locale di Parità sarà accompagnata e sostenuta da un’azione trasversale sulla comunicazione orientata alle pari opportunità che garantisca la diffusione delle iniziative.

Il progetto del Centro Locale di Parità

Sponsorizzazioni, adottate linee guida: verso un sistema coerente di raccolta fondi

Per rispondere all’esigenza di disciplinare in modo omogeneo e sperimentale le sponsorizzazioni, abbiamo adottato specifiche linee guida che saranno, dopo un periodo di sperimentazione, trasformate in Regolamento così come previsto dalle Linee programmatiche di mandato.

Nel rispetto della normativa che da anni prevede la possibilità delle sponsorizzazione, la nuova Amministrazione si pone l’obiettivo di pianificare il reperimento di risorse per la realizzazione di progettualità strategiche per l’Ente. Nella prospettiva di ricercare modalità di esercizio dell’azione amministrativa improntate a maggior trasparenza, efficacia, economicità, innovazione e flessibilità, anche nella gestione delle risorse disponibili, la sponsorizzazione offre la possibilità di migliorare la prestazione di alcuni servizi comunali attraverso il contributo di soggetti privati e pubblici.

Come spiegato dall’Assessore alla Trasparenza e alla Vivibilità sociale Rosita Viola, l’Amministrazione intende avviare un percorso che valorizzi questo istituto contrattuale, incentivando la collaborazione tra pubblico e privato, per migliorare la qualità dei servizi prestati, registrare maggiori economie, favorire l’efficienza organizzativa comunale, in un rapporto costruttivo col territorio. Le Linee guida troveranno applicazione in via sperimentale, per verificare la praticabilità delle procedure previste, attraverso momenti di confronto con i Servizi interessati.

II percorso sulle sponsorizzazioni si inserisce in un progetto più ampio che ha l’obiettivo principale di consolidare un sistema coerente per la raccolta fondi, che aiuti a potenziare le esperienze maturate e a costruire relazioni significative con i potenziali donatori, sostenitori e sponsor, anche nella prospettiva dello sviluppo di attività proposte in risposta ai bisogni della comunità locale. Sarà costituito un gruppo di lavoro con personale interno e individuato un referente unitario che curi la predisposizione del piano dei progetti che possono essere sponsorizzati e le relazioni con i potenziali sponsor.

Abbiamo aderito a ‘Contromafie’ di Libera

Abbiamo aderito all’iniziativa di Libera “Contromafie – Gli Stati Generali dell’antimafia” che si svolge a Roma dal 23 al 26 ottobre. A rappresentare il nostro Comune è l’assessore alla Trasparenza e Vivibilità Sociale Rosita Viola. L’adesione e la partecipazione all’iniziativa non comportano oneri per l’Amministrazione.

“Contromafie – Gli Stati Generali dell’antimafia” è un percorso di impegno culturale e sociale, uno strumento di lavoro che “Libera, associazioni, nomi, numeri contro le mafie” propone per offrire progettualità e contenuti al movimento antimafia italiano e non solo, in cui le realtà impegnate contro le diverse forme di criminalità organizzata e transnazionale e le connesse pratiche di corruzione, si ritrovano per confrontare strategie e percorsi, mettere a punto proposte di natura giuridica ed amministrativa, elaborare azioni di contrasto civile e non violento, valorizzare le buone prassi ed esperienze maturate in tema di libertà, cittadinanza, informazione, legalità, giustizia e solidarietà.

Libera – come ha detto l’assessore Rosita Viola – invita periodicamente gli esponenti della politica e dell’economia, dell’informazione e della cultura del nostro Paese a ragionare insieme sulle nuove strategie da mettere in atto per combattere le mafie, a partire dalle tante esperienze positive che, in questi ultimi decenni, il movimento dell’antimafia è stato capace di attuare, oltre che per verificare gli esiti del confronto avviato a partire da quanto contenuto nel manifesto finale di ogni edizione.

L’adesione del nostro Comune all’iniziativa è determinata dalla consapevolezza che la prima risposta al controllo mafioso del territorio è la pratica di cittadinanza e partecipazione che singoli, associazioni e Istituzioni sono chiamati a costruire ed agire.

Incontro tra candidati ‘per il futuro della città’

Sabato sono state consegnate le firme per le candidature alle primarie del centrosinistra, in programma il 23 febbraio a Cremona. I tre candidati, Paolo Carletti del Psi, Gianluca Galimberti di ‘Fare nuova la città’, Rosita Viola di Sel, si sono incontrati nel pomeriggio di lunedì per condividere l’inizio della campagna elettorale in vista dell’appuntamento per la scelta del candidato sindaco di coalizione. “È la prima volta che la città sceglie il candidato sindaco – dichiarano Carletti, Galimberti e Viola – La competizione per le primarie sarà un confronto costruttivo tra sensibilità, anche differenti, mirato a coinvolgere molti cittadini nella costruzione di un progetto di futuro per la nostra città”.