Sanità e socio-sanitario, insieme ai sindaci del Distretto: necessità di forte coesione territoriale

Durante l’incontro abbiamo analizzato insieme gli scenari determinati dai cambiamenti degli organismi di programmazione e di erogazione dei servizi alla persona proposti dalla stessa legge regionale e la rivisitazione degli assetti territoriali.

Per il Comitato esecutivo erano presenti Mauro Platè, assessore al Welfare del Comune di Cremona, Monica Zelioli, vice sindaco di Persico Dosimo, Fabio Scio, sindaco di Grumello, Luigi Guarneri, vice sindaco di Bonemerse, Rosolino Azzali, sindaco di Corte dei Frati, Giuseppe Mametti, vice sindaco di Soresina e Giuseppe Rocchetta, assessore del Comune di Soresina.

Nel corso della riunione abbiamo sottolineato il ruolo fondamentale dell’Assemblea dei Sindaci sia per quel che riguarda la programmazione, sia per il monitoraggio delle azioni volte all’integrazione socio-sanitaria, azioni che necessitano di una forte coesione delle istituzioni territoriali, in quanto devono essere in grado di fare emergere, attraverso una voce collettiva, le esigenze di un contesto talvolta ancora troppo frammentato.

Chiederemo ai direttori delle due Aziende di valutare congiuntamente le strategie per governare l’impatto nel territorio della nuova legge regionale e di facilitare, attraverso protocolli di intesa ed accordi tecnico-operativi tra i Comuni, l’ATS e l’ASST, processi di analisi e di ricerca.

Particolare attenzione porremo da un lato alla valorizzazione delle competenze e del lavoro svolto sino ad ora dalle figure professionali dell’ASL di Cremona e dai Comuni, dall’altro alla realizzazione delle condizioni necessarie perché i Comuni possano svolgere una funzione efficiente per la promozione della salute.

Altro aspetto che con il Comitato esecutivo abbiamo voluto mettere a fuoco riguarda la distribuzione delle risorse in ambito sanitario: questa infatti non può basarsi su una logica pro-capite, ma è necessario considerare la lettura del bisogno, i punti di erogazione, i servizi presenti, i flussi degli utenti ed un’analisi demografica ed epidemiologica.

In tale contesto, prima che alle risorse, è necessario guardare alla definizione territoriale ottimale per l’ambito distrettuale e alla configurazione della Cabina di regia, organismo strategico sia nella prospettiva della programmazione futura, sia per l’evoluzione dei modelli di gestione dei servizi, di competenza rispettivamente di ATS ed ASST, nel costante confronto e dialogo con le amministrazioni comunali. Solo la sinergia e la condivisione di progettualità tra le istituzioni del territorio può infatti indicare come valorizzare e tutelare il patrimonio di conoscenze, nonché quello socio-sanitario e sanitario.

Un percorso nel quale si inserisce da un lato il desiderio di rafforzare le collaborazioni, per quanto riguarda la programmazione sociale, con l’ambito Casalasco, dall’altro la consapevolezza di aprire con urgenza, nell’interesse dell’intera offerta sanitaria provinciale, un confronto sul futuro del presidio sanitario del “Nuovo Robbiani”. La struttura soresinese, sorta grazie ad un consistente contributo pubblico a fondo perduto e sede di una sperimentazione rilevante, assegnata e autorizzata dalla Regione Lombardia, deve essere cerniera tra i territori su cui insistono le due ASST di Cremona e Crema e solo opportuni accordi tra le aziende possono rendere più efficiente ed efficace l’offerta dei servizi erogati per il territorio.

Abbiamo confermato infine l’impegno di noi sindaci a garantire il supporto alle linee strategiche sanitarie, con particolare riferimento alla sfida della creazione di percorsi di continuità assistenziale della prevenzione a fine vita, dell’integrazione delle politiche ambientali e della promozione di di sani stili di vita.