Con Andrea, Francesca e Giacomo, campioni junior di canottaggio: i grandi sacrifici anche sportivi sono palestre di vita

I grandi sacrifici, anche sportivi, sono palestre di vita. Ho incontrato a palazzo comunale Andrea Cattaneo, neo campione del mondo juniores di canottaggio (specialità ‘quattro con’), Francesca Fava, campionessa italiana, e Giacomo Gentili, campione europeo nel quattro di coppia, tutti atleti della Società Canottieri Bissolati. Con loro c’erano anche l’allenatore Mauro Cavallieri (in rappresentanza degli altri due tecnici bissolatini Davide Magri e Gigi Arrigoni), il presidente della Bissolati Maurillio Segalini e il vicepresidente Daniele Luigi Poli. Mi sono complimentato con Andrea Cattaneo per il risultato ottenuto ai Mondiali di Amburgo (primo posto con un distacco di sei secondi dalla Gran Bretagna) e lo ho ringraziato, insieme a Francesca e a Giacomo e a nome di tutta la città, per l’impegno e per i titoli ottenuti. Ho chiesto a loro di descrivermi i loro studi, gli allenamenti e le prospettive sportive. Quello che imparano questi ragazzi dal canottaggio lo porteranno con loro per tutta la vita. Reggere certi riti, scarificarsi con volontà e rigore sono caratteristiche che poi si esportano anche al di fuori dello sport.

“Comuni, istituzioni e associazioni insieme per la legalità”

Martedì 15 aprile 2014 presso la Sala Zanoni di Via Vecchio Passeggio a Cremona si è tenuto l’incontro tra il Candidato Sindaco Gianluca Galimberti ed il Presidente della Commissione Antimafia del Comune di Milano David Gentili. Tra i relatori della serata, che è stato introdotta da Silvia Cimaschi, anche Rosita Viola (Sinistra per Cremona Energia Civile).

Gianluca Galimberti ha evidenziato l’importanza di accendere i riflettori sulla questione della legalità anche in una piccola città come Cremona, in quanto “questo tema non si esaurisce nel rispetto delle leggi, ma va declinato nella vita quotidiana di ciascuno come atteggiamento nella piena consapevolezza che prima delle regole condivise vengono idealità e valori etici condivisi. Riflettere sul tema della legalità significa per tutti, ma ancor di più per chi si accinge a ricoprire incarichi di responsabilità, riflettere sul sottile confine che esiste talvolta tra scelte personali e coscienza collettiva”.

Galimberti ha proseguito il suo intervento annunciando che nei progetti della coalizione di centrosinistra ha un ruolo fondamentale l’individuazione di un percorso che veda coalizzati Comune, Istituzioni ed associazioni che sul territorio si occupano di legalità e contrasto alle mafie per promuovere sul territorio azioni di efficace trasparenza e vigilanza, anche attraverso l’incrocio dei dati a disposizione.

David Gentili, nel suo intervento, ha illustrato il percorso che ha portato alla costituzione della Commissione Antimafia del Comune di Milano, partendo dall’illustrazione della scelta di mantenere in capo alla politica, cioè ai consiglieri eletti e non a tecnici esterni, la responsabilità di contrastare corruzione e criminalità. Gentili ha proseguito elencando una serie di regolamenti e strumenti operativi di cui la Commissione si è dotata ed ha citato diversi casi in cui partendo dalla segnalazione di operazioni sospette, la Commissione ha attivato procedure che nei casi più gravi hanno portato gli organi inquirenti all’apertura di procedimenti penali. Milano, ha spiegato Gentili, è il primo Comune che ha adottato modelli che consentano di attuare le disposizioni del D.Lgs. 231/2007 in materia di prevenzione dell’utilizzo del sistema finanziario a scopo di riciclaggio dei proventi di attività criminose e di finanziamento del terrorismo. Questa legge rappresenta anche una grande opportunità per gli Enti Locali, non solo in termini di contrasto alla criminalità, ma anche di recupero di risorse. Infatti, le somme recuperate (per esempio, da evasione fiscale e riciclaggio) tornano direttamente all’Amministrazione da cui sono partite le segnalazioni.

Perché questi strumenti siano efficaci è importantissimo avere la possibilità di incrociare tra loro dati diversi e che dipendenti pubblici, funzionari e dirigenti possano effettuare senza timori le segnalazioni in tutti i casi in cui vi sia il sospetto di attività illecite (corruzione, riciclaggio, turbativa o gestione opaca di appalti, gestione dei rifiuti, ecc.). Un ottimo punto di partenza è, ha spiegato Gentili in conclusione del suo intervento è l’adozione da parte degli amministratori pubblici della Carta di Pisa, che rappresenta oggi il più avanzato modello di codice etico.

Rosita Viola è intervenuta sulla centralità del tema del contrasto alla criminalità ed alla corruzione in tutte le sue forme ed ha auspicato un maggior impegno delle istituzioni tramite atti concreti che non si traducano in semplici dichiarazioni d’intenti in quanto i dati raccolti ed analizzati ci dicono che nel nostro territorio alcune forme di criminalità organizzata sono fortemente radicate ed attive nella gestione dei loro interessi illeciti. In conclusione del suo intervento, Rosita Viola ha chiesto che la prossima Amministrazione Comunale oltre ad attivare la Commissione antimafia, rediga in tempi rapidi un rapporto dettagliato sulle attività illecite nel nostro territorio e si doti di efficaci strumenti di contrasto.

Al termine degli interventi, si è aperto un dibattito nel corso del quale si è parlato di criticità nelle fasi di trasporto e smaltimento dei rifiuti, nel movimento terra e nelle bonifiche. Infine, traendo spunto anche dalla presentazione dell’iniziativa del Circolo Duemiglia del Partito Democratico di Cremona sul tema del contrasto alla diffusione del gioco d’azzardo, David Gentili ha illustrato alcune delle criticità emerse nei primi mesi di attuazione della nuova legge regionale che conferisce ai Comuni alcuni poteri significativi in materia di controllo che, tuttavia, non si armonizzano con le competenze di altri organi dello Stato (Questura, Agenzia delle Dogane e dei Monopoli).

Trasparenza e legalità, Galimberti con David Gentili

Appuntamento importante per il candidato sindaco Gianluca Galimberti e per tutta la coalizione del centrosinistra che lo sostiene alle elezioni comunali del 25 maggio e che nel programma ha inserito un punto fondamentale dedicato alla “trasparenza e alla legalità per un’amministrazione efficiente e vicina al territorio”. Martedì 15 aprile alle ore 21, Galimberti incontra il Presidente della Commissione Antimafia del Comune di Milano David Gentili. L’appuntamento è in sala Zanoni, via del Vecchio Passeggio, 1. I temi? Trasparenza e comunicazione dell’azione amministrativa, strumenti precisi per combattere le infiltrazioni mafiose, cultura della legalità e della cittadinanza responsabile.

Vai all’evento su Facebook