Cda CremonaFiere, pubblicato il bando per componente del Comune: segnalazioni con curriculum entro le ore 12,30 dell’8 aprile

Pubblicato sul sito del Comune di Cremona l’avviso dell’avvio della procedure per la nomina di un componente del Consiglio di Amministrazione di CremonaFiere S.p.A. e per la nomina di un componente effettivo e uno supplente del Collegio Sindacale di CremonaFiere. Le segnalazioni, con curriculum, possono essere presentate al Comune di Cremona dal giorno 19 marzo 2015 al giorno 8 aprile 2015 (entro le ore 12.30).

Possono essere segnalati nominativi dai Consiglieri comunali. I cittadini in possesso dei requisiti per l’elezione a Consigliere comunale possono segnalare la propria disponibilità, tramite l’Ufficio Protocollo del Comune (anche attraverso Pec: protocollo@comunedicremona.legalmail.it).
Come per le altre nomine, secondo gli indirizzi approvati in Consiglio, il “sindaco procede alla relativa nomina o designazione, garantendo che nessuno dei due sessi possa essere rappresentato in misura inferiore ad 1/3 con arrotondamento all’unità superiore per il genere meno rappresentato’.
Per quanto riguarda l’altro componente del Consiglio di Amministrazione di CremonaFiere di competenza del Comune di Cremona, all’inizio del corrente mandato, ho deciso di assumere in capo a me stesso questa funzione, sulla base del regolamento vigente.

Al nuovo Cda di Aem: sfide importanti. Vogliamo lavorare insieme, avendo come stella polare il bene comune

Abbiamo davanti sfide importanti. Vogliamo lavorare insieme, avendo come stella polare il bene comune. Con queste parole, insieme all’Assessore al Bilancio, alla Digitalizzazione e alla Trasparenza Maurizio Manzi, ha salutato il nuovo Consiglio di Amministrazione di Aem Cremona Spa, insediatosi nella mattina di lunedì 26 gennaio alla sede di viale Trento Trieste, e composto dal neo presidente Massimo Siboni e dai consiglieri Fiorella Lazzari, Roberto Mazzini, Ada Ficarelli, Francesco Sanfelici. Enzo Cottarella, Andrea Bignani ed Elisabetta Pasquali i sindaci effettivi del Collegio sindacale, Daniele Quinto e Catia Rosa Sinelli i sindaci supplenti.

Compito dell’Amministrazione è quello di indirizzo e controllo sulle partecipate, come previsto dalla legge. Lo abbiamo già esercitato e continueremo a farlo con trasparenza, competenza e collaborazione, sempre nel rispetto dei ruoli. Ringrazio il Consiglio di amministrazione precedente per il lavoro fatto, per la disponibilità dimostrata in questa fase di transizione, ringrazio il Presidente uscente Franco Albertoni per la sua collaborazione, segno importante per le istituzioni e per la città. Ringrazio questo nuovo Cda, di cui vado orgoglioso, e il nuovo Presidente Massimo Siboni per aver accettato questo difficile e fondamentale compito.

Abbiamo davanti delle sfide enormi. Vogliamo lavorare insieme in un rapporto di totale trasparenza e collaborazione. Abbiamo tutti insieme una responsabilità grande, avendo come obiettivo sempre il bene dei cittadini.

Progetti specifici a consiglieri comunali: collaborazione sempre maggiore tra Giunta e Consiglio

Non deleghe ma progetti specifici nell’ottica di una collaborazione sempre maggiore tra Giunta e consiglieri comunali. Abbiamo emanato i primi quattro decreti con i quali il sindaco del Comune di Cremona Gianluca Galimberti affida ad alcuni consiglieri comunali specifiche progettualità, concordi con le Linee di mandato ed in sintonia con le competenze e conoscenze di ognuno, in base all’articolo 12 dello Statuto che stabilisce che ‘Il Sindaco può affidare a Consigliere o a Consiglieri comunali compiti specifici delimitandone funzioni e termini’. A Rodolfo Bona, capogruppo del Partito Democratico, abbiamo affidato il compito di collaborare alla redazione di parti del progetto culturale dell’Amministrazione comunale, con particolare riferimento al filone storico. Paolo Carletti si occuperà di Patrimonio pubblico: il compito è quello di collaborare con l’Assessore Andrea Virgilio per perseguire gli obiettivi delle linee di mandato riferite al Patrimonio pubblico e alla relativa razionalizzazione, con particolare riferimento all’elaborazione di proposte di valorizzazione degli spazi della città e del patrimonio pubblico.
L’organizzazione di eventi di correlazione tra moda e commercio nell’ambito delle iniziative legate ad Expo 2015 l’abbiamo affidata al consigliere Santo Canale. Il sostegno al coordinamento su progettualità legate alla ciclabilità cittadina, in particolare al Biciplan, e al monitoraggio delle relative fasi di avanzamento l’abbiamo affidato a Filippo Bonali, Sinistra per Cremona.
Abbiamo deciso di fare una scelta nuova. Di valorizzare e di beneficiare come Amministrazione delle competenze e delle conoscenze dei consiglieri comunali nell’ambito di progetti specifici e ben definiti. Non deleghe a pioggia, ma compiti ben precisi in condivisione e affiancamento ai diversi Assessori.
Sono i primi progetti. Ce ne saranno altri. Molti consiglieri vogliono dedicarsi a progettualità decise dalla Giunta e corrispondenti alle professionalità e attitudini dei consiglieri stessi, per dare, anche in questo modo, un contributo per il bene della città. Questa iniziativa, sempre all’interno di una corretta distinzione dei rispettivi ruoli e in linea con lo Statuto del Comune, favorisce il coinvolgimento del Consiglio comunale nei percorsi e nelle scelte di questa Giunta, che ha bisogno dell’apporto propositivo e concreto dei consiglieri.

Ai consiglieri comunali: lavoriamo insieme

Ho incontrato per un breve saluto i consiglieri comunali convocati in Comune per un incontro informativo e formativo su ruolo e funzioni, diritti e doveri del consiglio comunale. Ho ribadito il massimo impegno, mio e degli assessori, per una collaborazione costruttiva tra Giunta e consiglio. Ho sottolineato l’importanza del ruolo di indirizzo e di controllo del consiglio comunale e la disponibilità al dialogo e al confronto. Ho detto che sicuramente faremo degli errori. L’importante è che, quando avverranno, anche insieme al consiglio, ci sia la capacità e la prontezza di individuare le possibili correzioni e di ripartire insieme per il bene della città.
Le prossime tappe: mercoledì 25 giugno seconda Giunta alle ore 7.45, lunedì 39 giugno primo consiglio comunale. Buon lavoro a tutti!

Trasporti, Galimberti incontra vice ministro Nencini

Sabato 26 aprile alle ore 15 a Spazio Comune (piazza Stradivari) il candidato sindaco Gianluca Galimberti incontra Riccardo Nencini, vice ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti. E’ un importante passaggio del percorso avviato da mesi dal candidato sindaco con pendolari e ferrovieri. All’attenzione del viceministro verranno portate problematiche e proposte concrete emerse nei recenti incontri e già rappresentate da Gianluca Galimberti ai consiglieri regionali Agostino Alloni, Carlo Malvezzi e Federico Lena con una lettera condivisa appunto con pendolari e ferrovieri (vai alla lettera). Presente all’incontro anche Luciano Pizzetti, sottosegretario alle Riforme, introduce Paolo Carletti, segretario provinciale Psi.

Invitiamo pendolari e ferrovieri, consiglieri regionali, provinciali e comunali, cittadini e giornalisti a partecipare!

Treni, Galimberti ai Consiglieri regionali: ‘Confronto serio e proposte’

Gianluca Galimberti ha inviato una lettera ai Consiglieri regionali del territorio sulle problematiche ferroviarie cremonesi. La lettera nasce da due incontri organizzati e promossi con pendolari e ferrovieri, l’ultimo dei quali avvenuto venerdì 4 aprile al Dopolavoro Ferroviario. Presente anche Matteo Sibra, segretario generale Filt Cgil Cemona. Di seguito la lettera.

 

Alla c.a. dei Consiglieri regionali
ALLONI Agostino
LENA Federico
MALVEZZI Carlo

 

Cari Consiglieri regionali,

                           mi permetto di scriverVi perché a seguito del perdurare degli ormai cronici disagi che coinvolgono quotidianamente i pendolari della linee ferroviarie che riguardano Cremona Vi anticipo la mia opinione sul ruolo che, credo, debba giocare la futura amministrazione nella partita che riguarda il servizio ferroviario lombardo.

La presente lettera nasce da due incontri che ho organizzato e promosso, a cui hanno partecipato alcuni pendolari e alcuni ferrovieri: il metodo di confronto è stato molto utile per produrre idee e proposte di soluzioni condivise. 

Prima di tutto, credo che, rispetto al passato, vadano rafforzati il coordinamento con i territori a noi limitrofi e il dialogo con i pendolari.

In questi anni è mancata una regia e un coordinamento costante con le realtà locali; non si sono strette relazioni con i Comuni di Mantova, Lodi, Brescia, Piacenza, oltre al Comune di Crema a noi vicino. Sono certo che una migliore valutazione condivisa avrebbe permesso di rappresentare le istanze dei viaggiatori in maniera unitaria in Regione Lombardia e presso Trenord 

E’ fallito il tavolo, voluto a febbraio 2013, dall’amministrazione Perri, che prevedeva anche la vostra presenza; credo che subito vada ripristinato un luogo serio di confronto istituzionale costante con i pendolari e con Voi che siete i rappresentanti istituzionali in Consiglio regionale, nel quale si individuino e si programmino a tempo debito, in vista dei cambi orari estivi e invernali, proposte e progetti.

Ci vuole una maggiore collaborazione e sinergia tra tutti gli attori istituzionali, per questo sono a chiederVi di affrontare subito criticità e questioni esposte di seguito.

1) Sulla linea Milano-Cremona-Mantova, è emerso anche negli incontri di queste settimane, i pendolari mi confermano che permangono enormi difficoltà riguardanti puntualità e qualità del servizio offerto. Si registrano ritardi consistenti e numerose soppressioni specialmente nelle ore di punta, sovraffollamento da e per  Milano fino alla stazione di Lodi e un problema di qualità del materiale rotabile. Com’è noto, nei giorni scorsi è stato introdotto il nuovo treno Vivalto, che in particolare nella mattina del 2 aprile scorso, ma anche nelle mattine precedenti, ha già dimostrato di avere dei problemi, oltre a non essere ritenuto  adatto alle esigenze di un pendolarismo di media tratta;

2) Abbiamo proposte semplici di spostamenti orari, che potrebbero aiutare a migliorare il collegamento con Milano (ne abbiamo parlato con pendolari e ferrovieri, che hanno esposto soluzioni concrete e fattibili a costo zero);

3) I pendolari lamentano la mancanza di informazioni soprattutto nel caso di criticità dei servizi; 

4) Sulla linea Cremona-Brescia, oltre al perdurare delle presenza dei treni diesel lungo la stessa direttrice, rimane irrisolto il problema delle coincidenze e della puntualità, segnalato più volte dai pendolari; ma, soprattutto, in alcuni orari il materiale rotabile è drammaticamente scarso e le condizioni di viaggio di grave disagio (in alcuni casi con conseguenze di salute);

5) Più in generale, denunciamo lo spostamento dei treni diesel da tratte a nord della Lombardia alle nostre e lo spostamento contrario dei treni elettrici;

6) Sono segnalati problemi di ordine pubblico che determinano mancanza di sicurezza per viaggiatori e ferrovieri; 

7) Lungo la linea ferroviaria Cremona-Piacenza non circolerà più alcun treno. La settimana scorsa ho partecipato ad una biciclettata di protesta proprio per segnalare il mio rammarico;  ricordo che la decisione avanzata dalla Regione Emilia Romagna non ha trovato la ben che minima opposizione. E, come certamente saprete, è partito infatti lunedì scorso, il 31 marzo il nuovo servizio di autobus sostitutivo, a cura della società Seta, che collegherà Piacenza-Cremona e che prevede 7 corse dirette nei giorni feriali e 6 nei festivi. Inspiegabilmente la biglietteria ferroviaria non consentirà l’emissione del biglietto, infatti si dovrà accedere al nuovo servizio esclusivamente con biglietti e abbonamenti di Seta Spa. Richiediamo l’intervento della politica lombarda in collaborazione con quella emiliana per ricostruire tale collegamento;

8) A seguito della mancanza di treni per Piacenza e della perdita del pendolino a dicembre 2009, manca un collegamento con i treni dell’alta velocità verso Roma;

9) Esprimiamo anche la preoccupazione che la perdita del treno su Piacenza abbia ripercussioni a medio e lungo termine sulla linea Cremona-Fidenza, una linea dove sono già presenti autobus sostitutivi al tradizionale servizio ferroviario.

Vi ho esposto una serie di criticità, per auspicare fin da subito una fattiva collaborazione con Voi, che rappresentate il territorio in Consiglio regionale, e per dare inizio ad un percorso comune e di grande determinazione, che permetta di avanzare una serie di proposte e di miglioramenti a favore dei pendolari verso Regione Lombardia e verso Trenord. 

A tal fine, mi rendo fin da subito disponibile per un incontro, al quale chiediamo anche la presenza di un rappresentante di Trenord.

Infine ricordiamo due fatti

– come indicano studi svolti in questi anni, la mancanza di collegamenti genera una perdita economica consistente per tutto il sistema produttivo regionale e nazionale, con ripercussioni sui livelli occupazionali;

– Cremona ha bisogno di un rilancio complessivo economico e culturale, senza il quale il nostro territorio rischia di essere sempre più isolato: per questo rilancio, abbiamo proposte concrete e progetti da realizzare insieme a Voi e a tutta la città.

 

Cordiali saluti
Gianluca Galimberti,
candidato Sindaco

 Scarica la lettera in pdf