Terzo Ponte e unioni civili. Galimberti al confronto tv

Gianluca Galimberti al primo confronto tv, giovedì sera alla Piazza di Cremona1 con gli altri due candidati alle primarie, Rosita Viola di Sel e Paolo Carletti del Psi.



Gianluca Galimberti al primo confronto tv, giovedì sera alla Piazza di Cremona1 con gli altri due candidati alle primarie, Rosita Viola di Sel e Paolo Carletti del Psi. In studio il conduttore Giovanni Palisto e tre giornalisti (Gilberto Bazoli della Provincia, Giuliana Biagi di Cremonaoggi e Simone Bacchetta di Cremona1). La trasmissione è iniziata con una domanda sulla motivazione della candidatura. “Abbiamo bisogno di forme partecipative sempre più ampie – ha detto Gaslimberti – La capacità di parlare ai cittadini e la progettualità hanno consentito ampio consenso. Le primarie non sono di un solo partito, ma sono civiche. Il Pd ha capito, essendo anche lui una parte della società civile, che doveva aprirsi all’esterno. Ha fatto una scelta di lungimiranza politica”.
Domande concrete dai telespettatori attraverso sms. Queste le principali questioni affrontate: Terzo Ponte (“Non è nostra priorità, ma dobbiamo seguire l’iter per non promettere cose che poi non si possono mantenere”), Centro sociale Kavarna (“Incontro e rispetto delle regole”), ‘morte’ del centro (“Turismo e commercio all’interno di un rilancio complessivo della città”), unioni civili (“Concretezza, confronto in consiglio comunale senza slogan e visione di insieme dei diritti nella loro globalità”), sicurezza (“Coordinamento, partecipazione dei cittadini, politiche sociali di prevenzione”), rifiuti (“Spegnimento dell’inceneritore con un piano industriale”), partecipate (“Riprendere indirizzo e controllo da parte della politica con la ‘P’ maiuscola”), privati nella cultura (“Unire le forze della città, anche piccole, con il pubblico che faccia da regia”).

Foto F. Sessa


Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Share on Tumblr0Email this to someone