Con il Ministro Giannini: la prima Laurea in Italia in restauro degli strumenti musicali deve nascere a Cremona

Tavolo di lavoro tecnico-politico sulle progettualità in atto sul saper fare (liutario e cibo) e sulla musica nelle scuole, saluto alle autorità e visita ai laboratori di ricerca del Museo del Violino. Concretissima e fruttuosa visita del Ministro Stefania Giannini a Cremona.



Mi sembra un bellissimo segno che un Ministro scelga di iniziare una visita attraverso un tavolo di lavoro in cui un territorio, non solo l’Amministrazione, rappresenti a lei e al Governo alcuni progettualità strategiche chiedendo un’interlocuzione e la possibilità di realizzarle. Abbiamo presentato al Ministro, in particolare, il sistema che caratterizza Cremona ovvero musica, suono e violini e con tutte le istituzioni culturale che fanno parte di questo sistema abbiamo posto al Ministro la questione della Laurea in Conservazione e Restauro degli strumenti musicali al Dipartimento di Musicologia dell’Università di Pavia: laurea che deve partire da qui perché non può partire altrove e perché è utile all’intero paese. Un Laurea che, prima in Italia, contribuisce alla tutela del patrimonio, alla qualificazione professionale e allo sviluppo della ricerca. E serve a consolidare il sistema perché abbiamo ancora una fama internazionale altissima in questo campo, ma non abbiamo più tempo da perdere e dobbiamo continuare a trovare strade per innovarlo. Abbiamo ottenuto un impegno dal Ministro per fare partire questo corso di Laurea davvero strategico per Cremona. Ci crediamo tantissimo e ci crede tantissimo anche il Magnifico Rettore Fabio Rugge presente al nostro tavolo di lavoro.
Abbiamo presentato al Ministro anche il progetto Cremona Food Lab sul saper fare cibo che abbiamo applicato agli Emblematici Cariplo e prevede la creazione insieme a Provincia, Camera di Commercio, Università Cattolica, Crea, associazioni di categoria del settore agroalimentare e zootecnico di un polo di ricerca a servizio delle imprese per l’innovazione del prodotto e del processo e per la consulenza di mercato.
Perché questi progetti? Perché abbiamo il compito di individuare le linee di sviluppo del territorio e di unire i centri del sapere, le istituzioni e le imprese per consolidare e innovare quei sistemi necessari non solo a noi, ma al paese.
Infine, abbiamo presentato al Ministro alcuni dei progetti sviluppati nell’ambito della formazione musicale nelle scuole che rendono il nostro territorio unico e originale.
Dopo il saluto alle autorità in Sala Quadri con la Presidente del Consiglio Simona Pasquali e il Sottosegretario Luciano Pizzetti siamo andati a visitare il Museo del Violino con le collezioni storiche e il Laboratorio Arvedi di diagnostica non invasiva dell’Università di Pavia e il laboratorio di acustica musicale del Politecnico di Milano.
Una visita concretissima e fruttuosa che, ce la mettiamo tutta, porterà alla creazione a Cremona della Laurea in Conservazione e Restauro degli strumenti musicali. Perché Cremona è unica al mondo e ha una serie di realtà che la rendono unica al mondo. Perché Cremona deve investire sul proprio patrimonio di abilità, conoscenze e competenze, innovandolo, a favore di quel sistema che rende forti, si apre ad altri territori e al mondo e permette di intercettare fondi.


Galleria fotografica


Share on Facebook51Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Share on Tumblr0Email this to someone